Incursione#2

2022
Scare tape, hula hoop
240 x 80 Ø cm


Un ambiente cilindrico delimitato da fasce di materiale sintetico di solito utilizzate come dissuasori per volatili, occupa uno spazio similmente a quello di uno stanzino o cabina doccia. Il visitatore vi entra, sosta e interviene tagliando con delle forbici una delle fasce, all’altezza desiderata.
Il pubblico, così, determina la progressiva scomparsa di una soglia e diviene responsabile di una radicale alterazione della condizione iniziale in cui l’opera si identificava come rifugio precario o ipotetico nascondiglio.
Nell’ingenuo processo distruttivo, il pubblico compie un atto brutale generando una reazione a catena che porterà alla cancellazione delle originali condizioni di sicurezza e stasi.
Due numeri in alto indicano le due ore esatte della detonazione delle bombe atomiche sul Giappone.

A cylindrical environment delimited by bands of synthetic material usually used as bird deterrents, occupies a space similar to that of a closet or shower cabin. The visitor enters, stops and intervenes by cutting one of the bands with scissors, to the desired height.
The public thus determines the progressive disappearance of a threshold and becomes responsible for a radical alteration of the initial condition in which the work was identified as a precarious refuge or hypothetical hiding place.
In the naive destructive process, the public carries out a brutal act generating a chain reaction that will lead to the cancellation of the original conditions of security and stasis.
Two numbers at the top indicate the exact two hours of the detonation of the atomic bombs on Japan.






The Jolly House, 2022, curated by Margherita Verzocchi, Benedetta Nassini, Jennifer Regalia, Beatrice Timillero, Villa Verlicchi, Ravenna, IT.




©️ 2019—2022  Alessandro Costanzo 
              ︎